I biscotti di Natale: alcuni consigli

  • Frolle al mandarino
    Frolle al mandarino
  • Amaretti/ricciarelli
    Amaretti/ricciarelli
  • Biscotti alle nocciole
    Biscotti alle nocciole
  • Frolle allo zenzero candito
    Frolle allo zenzero candito

State per preparare i biscotti per Natale. Brave!

Su questo blog troverete molte ricette di biscotti, ma non avevo mai scritto i miei personali consigli per essere sicure al 100% di non sbagliare o di ritrovarsi nel bel mezzo di un disastro proprio il giorno prima di dover impacchettare tutti quei biscotti per il cookie swap!

  1. Non fidatevi! Anche se la ricetta l’avete presa dal vostro libro preferito o dal vostro blog più amato, non fidatevi: realizzate la pasta e cuocetene prima uno, da solo, per essere sicure che dosi e tempi di cottura siano adatti ai vostri ingredienti e al vostro forno. Per esempio, gli amaretti/ricciarelli qui sopra sono un’esperimente venuto male. Avevo due albumi che mi avanzavano e non volevo gettarli. E così ho trovato sulla mia bibbia di riferimento, How to Be a Domestic Goddess: Baking and the Art of Comfort Cooking di Nigella Lawson, la ricetta dei ricciarelli. Era sbagliata: la quantità di farina di mandorle non era giusta in confronto alla quantità di albumi. Mi ha salvata in extremis la ricetta di Giulia! E poi discorrendo su twitter ho anche scoperto che la farina di mandorle che avevo comprato in Germania aveva troppi residui di buccie e ha rovinato il colore dei biscotti. E avendoli anche fatti cuocere troppo sono venuti molto più simili a degli amaretti che a dei ricciarelli. Perciò MAI fidarsi!
  2. Seguite la ricetta, sempre, comunque, alla lettera! Stiamo parlando di pasticceria, anche se in formato ridotto, ma pur sempre pasticceria: una scienza esatta! E leggete tutta la ricetta ancora prima di iniziare, così sapete fin da subito se è previsto del tempo di riposo, se gli ingredienti devono essere a temperatura ambiente e altre amenità.
  3. Siate preparate a tutto! Comprate tutti gli ingredienti PRIMA, anche in quantità maggiori, che non si sa mai. Cercate di avere almeno una base sempre a portata di mano (se volete tempo fa avevo fatto una lista di ingredienti di base da avere sempre in dispensa). Poi capita che le uova finiscono improvvisamente perché se ne rompono due di fila tra il frigo e il tavolo, ma se ne avete comprate 12 invece di 6, potrete ancora averne ancora qualcuna a disposizione.
  4. Agilità è la vostra parola d’ordine. Siate agili, sveglie, invettive: avete bruciacchiato una teglia di biscotti, ma sono buoni e non sanno di bruciato? Cosa fare? Copriteli con un po’ di glassa (zucchero a velo e succo di limone) e nessuno se ne accorgerà! La seconda teglia di biscotti allo zenzero candito è rimasta in forno troppo. Li ricoprirò con della glassa e li sottoporrò agli implacabili giudici di famiglia: se loro acconsentono finiranno nei sacchetti insieme agli altri!
  5. Non desistete! Tutti bruciano i biscotti, ve lo assicuro! E ovviamente li brucio anch’io :) Per esempio, gli stupendi alberelli con smarties colorate qui sopra sono crudi. Cuocendo gli smarties hanno perso i colori e sono diventate tutte beige. Pazienza! Ce li mangeremo noi e regalerò quelli senza smarties :)

Buon divertimento a infornare biscotti e buon Natale!